Sulla Relazione Bisogna Lavorare

Se crediamo che una relazione inizi e vada avanti per inerzia, allora è destinata a fallire. Ci impegniamo in ogni ambito della nostra vita, occupandoci del nostro lavoro e prendendoci cura del nostro corpo, delle nostre case e dei nostri amici. Tuttavia, ci aspettiamo che le nostre relazioni romantiche funzionino e che ingranino subito la marcia giusta.

relazione

Di recente ho letto un libro intitolato Il Corso dell’Amore, di Alain De Botton, che segue il percorso e le vicende di una coppia, tra alti, bassi e momenti intermedi.  Le relazioni attraversano degli stadi e delle fasi, come ad esempio, il passaggio dall’innamoramento all’amore vero e proprio.

L’inizio di un rapporto è entusiasmante, perché è una novità: è un viaggio che si compie in due, ognuno alla scoperta del proprio partner, in cui il focus più importante è riuscire man mano a conquistare l’altro. Si entra in confidenza, ci si “abitua” alla personalità del partner e si instaura una routine. Bisogna imparare a trovare un equilibrio e a gestire la propria vita, di pari passo con la propria relazione.

Più si va avanti, più il rapporto tende a passare in secondo piano, dando spazio ad altre priorità. È ciò che si verifica quando la relazione è ormai stabile e, perciò, si avverte di poter mollare un po’ la presa. A quel punto, diventa semplice cominciare a dare tutto per scontato. Senza nemmeno accorgercene, umanamente smettiamo di impegnarci, quando al contrario, proprio perchè umani, abbiamo bisogno di coltivare l’intimità in una relazione e l’impegno è fondamentale. L’intimità col proprio partner, la complicità, non sono scontate, devono essere coltivate.

relazione

Molte coppie incontrano questo ostacolo.

La visione dei cartoni animati Disney incentrata sul “vivere per sempre felici e contenti” non è la realtà. Dobbiamo occuparci del nostro lavoro e pensare alla carriera, pagare le bollette, viaggiare da pendolari, affrontare lo stress, pensare ai figli e alla propria famiglia. In un contesto simile, talvolta, sorge l’impressione che la relazione non sia più come quella di una volta.

Ma questa è la nostra realtà quotidiana. È irrealistico pensare che il periodo della “luna di miele” o delle “farfalle nello stomaco” possa protrarsi per tutta la relazione, perché, altrimenti, non avremmo tempo di occuparci del resto. In una situazione analoga, il rapporto diverrebbe solo una distrazione.

Talvolta capita che le coppie guardino con nostalgia al loro periodo iniziale, piuttosto che godersi ogni stadio della loro relazione. Molti si impuntano sull’idea che il loro rapporto non sia come lo avevano sempre immaginato, ma dimenticano che all’inizio manca l’intimità, la fiducia e la sicurezza che si instaura col tempo, passando dall’entusiasmo della novità a una situazione più stabile e duratura.

relazione

Il successo di una relazione risiede nella sua interpretazione. Va vissuta come un viaggio, una strada che presenta dossi, svolte, sorprese e strade mai battute prima. Fare esperienza è importante, ma è la reazione stessa a fare la differenza. Convincersi che le cose si aggiustino da sole equivale a sbagliare.

E’ un po’ come quando sei in viaggio, ti accorgi di percorrere una strada sbagliata, e quindi ti fermi, capisci dove stai sbagliando, fai retromarcia e rimettiti in carreggiata. Non continui a guidare nel verso opposto alla tua destinazione, sperando di arrivarci comunque, perché sai che finirai solo per allontanarti.

Le coppie spesso hanno paura di affrontare questi discorsi, ma è molto più pericoloso tenersi tutto dentro. Bisogna accettare che le relazioni hanno questi stadi e cambiamenti.

Come dice Esther Perel:

Vivremo molte relazioni nel corso della nostra vita. Alcuni di noi le vivranno con lo stesso partner.

Pic1: Annebarlinckoff – Pic2: A.r – Pic3: Pansyco

(Psychosexual Therapist & Relationships Expert)

Kate è una tra le più giovani e apprezzate sessuologhe del panorama londinese. Affianca alle conoscenze classiche studi e approcci moderni per aiutare le coppie o il singolo a vivere serenamente la sessualità, trovando la propria dimensione, felicità e benessere.

0 I like it
0 I don't like it

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *