Cunnilingus gap: le donne ricevono meno sesso orale degli uomini. Perchè?

cunnilingus

Parliamo di sesso orale. La prima cosa che viene in mente agli uomini è la sicurezza di riceverlo, quella che viene alle donne è di doverlo fare o sperare di riceverlo. C’è chiaramente un gap nel sistema.

In effetti, facendo mente locale, il numero di volte in cui ho praticato del sesso orale è superiore a quelle in cui l’ho ricevuto (ovviamente su questo punto possiamo da oggi applicare una bella emoji “work in progress”).
Facendo anche un rapido sondaggio tra amiche, colleghe e conoscenti, purtroppo, questa è la realtà.

Calcolando che circa l’80% delle donne ha bisogno di una stimolazione della clitoride per raggiungere l’orgasmo, questo fenomeno, che chiamerò cunnilingus gap, può certamente rientrare nella top ten delle ragioni per cui esiste l’orgasm gap.

Con questo non voglio dire che non esistano uomini a cui piace fare sesso orale e che lo fanno divertendosi e bene, ma credo che bisognerebbe arrivare al livello in cui dovrebbe essere un do ut des.

Quindi cos’è andato storto fino ad oggi?

Forse sarà che i pochi articoli che si leggono sui principali magazine parlano spesso di “come fare a lui il migliore pompino” o quali sono “le tecniche migliori per farlo impazzire” ma pochissimi suggeriscono agli uomini come far impazzire noi? Certamente sarà la mancanza di un’educazione sessuale che preveda di affrontare l’argomento “piacere reciproco”. Sarà forse che alle donne non piace riceverlo? Non credo proprio, visto che nell’80% dei casi è essenziale per raggiungere l’orgasmo. Sarà più complicato rispetto al sesso orale su un uomo? Non direi, forse può richiedere più tempo, ma non è detto.

Per diverse ragioni la nostra cultura ci ha portato al pensiero che il cunnilingus sia una pratica sessuale “più intima” rispetto ad una fellatio e quindi di solito entra in scena nelle relazioni che non sono occasionali.

Per chi a questo punto magari pensa che sia solo un caso che riguarda me o un numero ristretto di persone, può trovare qui un recente studio che, ahimè, conferma tutto quello che sto dicendo: gli uomini in relazioni etero ricevono più sesso orale rispetto alle donne.

Uno dei principali effetti oltremodo collaterali di pensare che il cunnilingus sia più intimo è che, purtroppo, molte donne trovano imbarazzante, non appropriato o non piacevole ricevere sesso orale.

Care donne, non c’è niente di sbagliato nel chiederlo. Il piacere è un diritto di tutti, non solo degli uomini.

Il sesso orale non deve essere imbarazzante.
Molte donne provano un disagio nei confronti delle loro parti intime, perché ritengono non siano “a posto” o “come dovrebbero essere”. Non esiste una vulva “come dovrebbe essere”. Ci sono tante vulve quante donne in giro, di diversi colori, forme, dimensioni.

great wall of vagina

Così come capita al pene. Non ne esiste uno uguale ad un altro. Ognuno ha la sua forma e sapore e non c’è ragione di vergognarsi per questo. Probabilmente siamo state abituate a vedere/concepire più peni diversi che vagine, ma come dimostra anche il Great Wall of Vagina, siamo tutte meravigliosamente diverse.

Il cunnilingus può essere non piacevole e una situazione imbarazzante perchè non si sa come comunicarne il desiderio al partner. E’ difficile spiegare come ci piace una cosa che non possiamo fare da sole, ma è fondamentale sperimentare e parlare.

Prendete il controllo della situazione, ditegli/le se deve andare più lento o veloce, se provate più piacere in un altro punto, se la cosa invece vi infastidisce o fa male. Non c’è ragione di offendersi per questo, anzi! Gli uomini dovrebbero essere felici di imparare come darci piacere.
Se così non fosse, ve lo dico, non è la persona giusta per voi!

La comunicazione è il chiave del buon sesso. Nessuno dice che si deve fare in totale silenzio.

Un ultimo consiglio, godetevi il momento. L’ansia di non raggiungere l’orgasmo è una realtà per molte donne: se si parte con l’idea che tanto non ci piace, tanto non va, non funzionerà mai. Il cervello è il nostro organo erogeno per eccellenza.
Raggiungere l’orgasmo non è un dovere, ma un piacere. Questo non vuol dire che il percorso per raggiungerlo debba essere meno importante o non piacevole.
Lasciatevi andare nel viaggio attraverso il piacere, se volete provate un toy, ma l’orgasmo arriverà.

Dare e ricevere, questo è il sesso e vale per tutti. Iniziate a pretendere prima di dare.

(VibesWeek Editor in Chief & Co-Founder of pureeros)

“Se avessi saputo a 20 anni quello che ho scoperto a 30”. Quante volte ho sentito questa frase, troppe. Quando si tratta di sessualità, di intimità e piacere, di conoscere il nostro corpo, di capire cosa ci piace o no, di esprimere i nostri desideri o di metterci al primo posto, nessuno ci ha detto che è giusto farlo. Ve lo dirò io: facciamolo!

0 I like it
0 I don't like it

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *